riscrittura scena xv la resistibile ascesa di Arturo Ui

Personaggi

Arturo Ui: Claudio Ponzo

Spettro di Ernesto Roma (scisso nelle diverse proiezioni del personaggio stesso, ciascuna corrispondente ad un momento particolare del suo rapporto con Arturo Ui):
Ernesto Roma 1: bambino che giocava a pallone con Arturo
Ernesto Roma 2: all'età di 11/13 anni quando, con l'amico d'infanzia, comincia a compiere i primi furti e a spacciare
Ernesto Roma 3: a 16 anni, a capo di una banda di quartiere
Ernesto Roma 4: nel momento in cui si accorge del cambiamento di Arturo che è contattato da personaggi di spicco del traffico di marijuana
Ernesto Roma 5: vittima del tradimento

Buio in scena. Si sente il lamento di una persona che si agita nel sonno. Contemporaneamente un mormorio indistinto cresce di intensità finché si accendono le luci sulla scena occupata dal letto di Arturo che si mette a sedere di scatto. Intorno a lui cinque spettri che rappresentano i diversi momenti della carriera malavitosa che Ernesto Roma ha condiviso con Arturo

ARTURO UI (si guarda intorno incredulo, soffermandosi per pochi istanti su ognuna delle cinque figure che lo circondano) Si dice che chi non more se rivede, ma io dell'amico mio - che è morto - ne vedo cinque! Per un po' di tempo l'oppio e la tequila hanno fatto l'effetto loro: almeno per qualche ora riuscivo a dormi', niente incubi, solo buio e sonno duro, ma adesso?! Flescio a bestia. Vattene, o mejo, annatevene, io non ho fatto niente.

ERNESTO ROMA 5 Anvedi chi si rivede! Ti ricordi ancora di me? Oppure gli infami hanno la memoria corta?!

ARTURO UI Lasciateme perde! St'incubi so na vera tortura, ma che v'ho fatto de male …?

ERNESTO ROMA 2 Sembra che c'hai davanti no sconosciuto! Nun me saluti più?

ERNESTO ROMA 3 Eppure ne avemo passate parecchie insieme!! è incredibile come la gente cambi così in fretta… A sedici anni nessuno de noi due avrebbe mai pensato de fa na cosa der genere… tradire un amico!

ARTURO UI: Ma che ve state a 'nventà?! Io non ho popo fatto niente, anzi sete stati voi a montà tutta sto teatrino…io nun vi ho mai abbandonato, però, i fatti so annati così…nun ce potemo fa niente! Mo lassateme sta e annatevene…e pure de corsa!

ERNESTO ROMA 4 (scuote la testa e poi parla all'amico con una faccia che esprime tutto lo stupore e l'odio che in quel momento prova nei confronti di Arturo) Certo che sei proprio un bell'amico, eh… insieme abbiamo fatto tanto, ma pur d'arriva' ancora più in alto, mi hai tradito, sei passato dalla parte de quelli lì… Me complimento Artu', bella mossa, proprio na bella mossa… tradire un amico… (scuote ancora una volta la testa guardando Arturo)

ARTURO UI Che vuoi che siano qualche furtarello e qualche spaccio… E poi 'sta banda da quattro sordi… Mica potevamo rimane' insieme per tutta la mia vita! Quella, invece, è gente importante, che mi permette de fa' i sordi veri co 'o smercio della ganja su tutta Roma! Magari in futuro diventerò pure più rispettato der Jamaica!

ERNESTO ROMA 5 Ah!! Quer jamaicano 'nfameee!! Non me parla' der Jamaica!! (Alzando la voce e allontanandosi dal letto)

ERNESTO ROMA 1 (con la faccia incuriosita) Eh? Chi è 'sto Jamaica? Furti, impicci, ma che è 'sta storia?

ERNESTO ROMA 2 Eh… sei ancora piccolo pe' comprende ste cose….

ARTURO UI A regazzì, ma de che t'empicci….. E daje, annamo a letto che è tardi….

ERNESTO ROMA 5: Guarda che avevo capito l'inciucio che stavi a fa'! C'ho mica scritto ''Giocondo'' 'n fronte? Er Jamaica è stata solo l'occasione per farmi fuori. Io mi fidavo di te. Ancora nun ce posso crede' che m'hai tradito. Dovevamo di' che i caramba ce se stavano a beve e che metà de la merce era andata. A 'nfame, m'hai dato apposta la ganja der Jamaica e m'hai fregato. Quando la gente sua è venuta ar garage de mi' zio a cerca' la merce ho capito chi ce l'aveva mannati…perché solo io e te sapevamo che stava là. Io so scappato, ma non me potevo immagina' che quelli m'avevano già manomesso i freni della macchina e me so' schiantato sul primo albero della Portuense.

Essendo ormai stato messo alle strette, Arturo Ui cerca di discolparsi arrampicandosi sugli specchi

ARTURO UI (Con voce insicura e quasi tremante) Eeeeeh… Si… Cioè no…. Vabbè Erne', shalla… Avresti fatto anche tu così se fossi stato nei miei panni, no?

ERNESTO ROMA 2: No, perchè già da pischelli, s'eravamo promessi de non fa 'ste cose, ognuno de noi doveva conta' ciecamente sull'altro. E te che hai fatto invece?Te ne sei fregato….o nun è vero?!

ARTURO UI Eh… ma eravamo solo pischelli! Io neanche me ricordavo de 'sta promessa…

ERNESTO ROMA 2 Nun te ricordi de 'sta promessa?? E io che ho giurato de rispettalla pe sempre! L'abbiamo fatta a 12 anni nun te ricordi?

ARTURO UI No, nun me ricordo. Datece un tajo e annatevene perchè vojo dormì!

ERNESTO ROMA 3 Quello che avemo giurato da regazzini, l'avemo rispettato pure dopo, quando cominciava a girà la grana. Ma a te non te bastava mai e io me lo dovevo aspetta' che prima o poi…

ARTURO UI Vabbé mo basta però eh… mi avete proprio stufato, ANNATEVENE!

A questo punto Artuto Ui, ormai stufo, perde le staffe, prende una pistola, e la punta sui fantasmi

ARTURO UI Basta! Annate via, ho detto!!

ERNESTO ROMA 1 (quasi tra sé e sé) Ma se so' un fantasma, che pretendi de fà….

ERNESTO ROMA 4 Sparame, daje! Sto qua e so' pronto, quando voi te!! Tanto, sparamme non servirà a na mazza, non ti darà pace, ti porterai sempre 'sto peso sulla coscienza….

A questo punto Arturo Ui spara a tutti gli Ernesto Roma che scompaiono

ARTURO UI Ooooh… Meno male che se ne so' annati… Che sudata fredda è stata. Ammazza, sto a pezzi…. Stavolta, er solito mix de oppio e alcool è stato terificante….